Attività

Ugo Volli

La semiotica negli ultimi cinquant'anni: ultima lezione da professore ordinario per Ugo Volli

7 giugno, ore 11,00

Aula 34, Palazzo Nuovo, Via San Ottavio 20, Torino

In occasione della sua ultima lezione come Professore Ordinario dell'Università di Torino, venerdì 7 giugno 2019, dalle ore 11.00 alle ore 14.00, presso l'Aula 34 di Palazzo Nuovo (via S. Ottavio, 20 - Torino), il Prof. Ugo Volli tiene una Lectio Magistralis dal titolo "Il programma scientifico della semiotica. Un riesame cinquant'anni dopo".

Ugo Volli (1948, Trieste) è tra i maggiori semiologi e filosofi del linguaggio viventi, oltre che uno dei protagonisti della storia culturale italiana degli ultimi cinquanta anni. Amico e stretto collaboratore di Umberto Eco, critico teatrale de “la Repubblica” dal 1976 al 2009, ha insegnato presso l’Università di Bologna e lo IULM di Milano. Dal 2000 è professore ordinario di semiotica e direttore del CIRCe (Centro Interdipartimentale di Ricerca sulla Comunicazione) presso l’Università di Torino.

News su unito.it

Lydia Goher (Columbia University)

Painting in Waiting. Prelude to a Critical Philosophy of History and Art

3 giugno, ore 14-17

Sala Lauree di Scienze Umanistiche, Palazzo Nuovo, Via San Ottavio 20, Torino

This lecture investigates the idea of a painting-in-waiting by importing the idea of waiting into a critical philosophy of history and art. There is no one thing meant by waiting. It can mean to pause, hesitate, linger, falter, or to anticipate with trepidation or hope. But it can also mean to serve as once ladies-in-waiting served in courts or as waiters in restaurants once stood in readiness, perhaps to the point of Sartrean nausea, fully prepared to accommodate the needs of others. I have three questions. One is how, through dialectical inversion, waiting has come to mean a serving of the self and thus a freedom from the serving of others. The second is why a Beckett-like endgame of waiting is so often a waiting for a new game to begin, but where in truth there is only one game to play. And the third is what we learn about the critical labor of negation in thinking about waiting by reference to blank paintings, or, indeed, to books whose empty pages are not yet written.