Visiting Professor Senior

Arianna Betti

University of Amsterdam

Digital history of ideas

La visiting scientist collabora ai progetti e alle attività di ricerca del gruppo DR2 (Distant Reading e Data-Driven Research in storia della filosofia), incentrati sul tema della digital history of ideas, di cui è una delle massime esperte, avendo coordinato vari progetti europei in quest'ambito. Saranno tre in particolare, i filoni di indagine: (i) una riflessione metodologica, sulla progettazione e costituzione di corpora testuali; (ii) una ricerca, condotta con i metodi del distant reading, sulle tradizioni “perdenti” della logica nel corso dell’800; (iii) la messa a punto di un progetto di “argument mining”, in collaborazione con le Università di Barcellona e Montreal.

Mauro Carbone

Università Jean Moulin Lyon 3

Anthropology of Digital Images. The Technological Transformation of Man and its Philosophical, Educational and Political Consequences

Il prof. Carbone ha collaborato al progetto di ricerca sulle immagini digitali presentato al bando Prin 2017 Anthropology of Digital Images. The Technological Transformation of Man and its Philosophical, Educational and Political Consequences (PI Prof. Lingua), che vede coinvolte anche l’Università di Napoli Federico II e l’Università Suor Orsola Benincasa. Tale progetto è già collegato al Projet Bourgeon L’intériorisation des écrans et son idéologie, promosso dall’Université Jean-Moulin Lyon 3 e al relativo consorzio internazionale (di cui il Prof. Lingua fa già parte).

Le competenze del prof. Carbone su immagine analogica e immagine digitale e la sua importante linea di ricerca fenomenologica sugli schermi possono dare un significativo contributo allo sviluppo del progetto e integrare le competenze attualmente a disposizione nel Dipartimento.

José Enrique Finol

Universidad del Zulia (Perù)

La semiotica del corpo

José Enrique Finol è uno dei maggiori esponenti della cosiddetta “semiotica del corpo”, che si occupa di studiare le manifestazioni discorsive della corporalità soprattutto in relazione alla sfera mediatica contemporanea, alle sue nuove ritualità, e allo sviluppo delle attuali piattaforme digitali di comunicazione. Ideatore del concetto di “corposfera” e autore di numerosissime pubblicazioni in proposito, in diverse lingue, il Prof. Finol è anche un esperto dell’articolazione della semiotica con le discipline etno-antropologiche, in particolare i post-colonial studies, di cui presenta una versione non banale e originale rispetto al panorama internazionale consolidato.

Rita Šerpytytė

Vilnius University

Reality and Nihilism in Continental Philosophy

The research aims at examining the identity of continental thought by showing the relevance of the problem of reality through a conceptual investigation of the question of nihilism. The research project with develop the hypothesis that the same concept of reality might become the criterion of identity of continental thought. To this end, she proposed a theoretical and philosophical analysis of nihilism and negativity, with a special focus on the significance of: 1) the difference between concepts of reality and actuality, and 2) the problem of derealization in its relation to nihilism. In this context, she clarified theoretically hers concept of Plastic or Spectral Reality. Among the other topics connected with the research, special attention has given to the problem of reality, negativity, language, subject and identity in Continental Philosophy and in the Western tradition.

José Diez

Universitat de Barcelona

Explanation and justification of emotions: forms of irrationality

Il progetto del prof. Diez ha arricchito notevolmente il gruppo di ricerca del Centro di Logica, Linguaggio e Cognizione, riflettendo, in primo luogo, sull'irrazionalità nel ragionamento induttivo e, in secondo luogo, su temi legati al ruolo e al significato dei modelli nella spiegazione scientifica. In particolare, la riflessione epistemologica sulle credenze ingiustificate e sulle forme di autoinganno può fornire strumenti interessanti per sviluppare una riflessione critica sugli strumenti di comunicazione verbale che si sostituiscono all'interazione personale diretta, soprattutto quando comportano irrazionalità negli acquisti (e-commerce), nelle credenze collettive (fake news) e nell'amore (online dating).

Vedi l'intervista-dialogo della Prof.ssa Goher nelle Storie di Eccellenza

Lydia Goehr

Columbia University

Applied Philosohy of Art

La filosofia dell’arte è una disciplina dallo spiccato carattere interdisciplinare. La ricerca della professoressa sviluppa questioni di ontologia della musica con particolare riferimento alle nuove tecnologie ed è svolta nel quadro delle attività di ricerca promosse da Life e da Scienza Nuova. Ciò consentirà di rafforzare gli output del dipartimento sia per ciò che attiene alle pubblicazioni sia in riferimento all'internazionalizzazione del dipartimento nei settori della filosofia teoretica e dell’estetica.

Vedi l'intervista-dialogo con il prof. Nida-Rümelin nelle Storie di Eccellenza

Julian Nida-Rümelin

Ludwig-Maximilians-Universität München

Democracy and the new media

Despite the emphasis that theories of democracy put on consensus, dissent belongs to democracy either. The point is that we need to understand whether the emerging new media, in particular the social media, have an impact on the relation between democracy and dissent. The research will provide an analysis of the concepts of dissent, consent, and truth and its recent transformations caused by the diffusion of these technologies in Western democracies. The thesis, that this research will attempt to articulate, is that emergent technologies could support dissent and therefore the practice of participation that are conducive to strengthen democracy provided that these technologies do not undermine the authenticity and veracity of the communication that are critical features of democracy as form of life and not merely as form of government.